COSE CHE DOVETE SAPERE

Che le sneakers di Isabel Marant siano di quello zarro sfuggente che prima non dispiace e infine conquista è risaputo.
Che, all'opposto, il cappello Borsalino sia un'icona eterna di eleganza e tradizione è anch'esso un fatto noto.
Ma ci sono cose a questo mondo che vi vengono taciute. Grandi verità che sono impunemente censurate. Accenni di rivelazioni appena sussurate. Voci di un'ombra a Est.
Ho comprato le sneakers e ho comprato il cappello e sono qui per dirvi le cose stupide e quindi importanti che gli altri non vi dicono e che invece vanno tenute in grande considerazione.
Come tutte le cose molto stupide. Come me, insomma.


Sneakers Isabel Marant
Cappello Borsalino

Con un cappello Borsalino in testa non potete sbagliare.

No, non nel senso che sta bene su tutto come la maionese, che lo potete indossare con la cerata da barca e le calze tirolesi, nel senso più letterale: non potete sbagliare. A prendere la metro, ad esempio. Perché loro vi giudicheranno. Non lo immaginavo, ma indossare un Borsalino a tesa larga è come indossare una grossa, rossa e fluorescente freccia indicatrice. Vi fisseranno come se in testa aveste una corona, una Mitria, un paramento liturgico, il led luminoso 100 di Ok, il prezzo è giusto. O vi sentirete come se lo stessero facendo (e lo stanno facendo). Non sono adusi. Tutti si aspetteranno grave severità da voi. Grande compostezza. Serio decoro. Non bisogna percorrere la banchina della metro con arroganti falcate, salire su un vagone pieno di gente incazzata e stanca, fissare la cartina delle linee per un lunghissimo e spaventoso minuto e poi mettersi a urlare: "MINCHIA! MINCHIA IN UMIDO! DOVEVO PRENDERE QUELLA PER GESSATE! CAZZO! PERMESSO, PERMESSO, MI SCUSI, SIGNORA, LA BAMBINA, PERMESSO, MI SCUSI!" rischiando di restare incastrati tra le porte, voi e il Borsalino, e poi percorrere all'inverso la banchina, a passo svelto, paonazze in volto, sotto il cappello della vergogna.
C'HA IL BORSALINO e non sa trovarsi il culo con due mani!
È come guidare un'auto rosa. Bellissima, ma al primo parcheggio non proprio brillantemente riuscito è subito: 
Sta cogliona non sa neanche parcheggiare E C'HA L'AUTO ROSA!
È un fianco scoperto, un punto debole, un'esposizione al Giudizio della popolazione. È un cappello importante. Bisogna sentirsi sicuri, sfoggiarlo con sfrontatezza ma non alterigia, sempre con grande disinvoltura, come se ve lo avessero cucito addosso, come se non ce l'aveste neanche davvero in testa.

Indistruttibile autostima è necessaria anche al momento dell'acquisto. Ho avuto una pessima esperienza con il personale della boutique di Corso Venezia a Milano. Prima, si sono barricati dentro il negozio lasciandomi fuori dalla porta sotto la pioggia a congelare per dieci minuti buoni, che già mi veniva da piangere come se fossi stata punita all'asilo davanti alla classe, con quel senso di bruciante sconfitta, poi mi hanno trattata come una pezzente idiota. Che lo sono senz'altro, ma non è stato divertente.

«È ridicola se lo mette così».  Sguardo sprezzante.
IO LO METTO COME CAZZO MI PARE.
«Porto una misura in mezzo tra due taglie, quale mi consiglia?» «È feltro, cosa deve fare, si restringe no?». Occhi al cielo. 
 PERCHé IO COMPRO CAPPELLI DI FELTRO TUTTI I GIORNI! SONO UNA FANATICA DEL FELTRO IO! C'HO ANCHE IL COPRIPIUMONE IN FELTRO A CASA! SONO LA MASSIMA ESPERTA MONDIALE IN FATTO DI FELTRO!

Una commessa è stata gentile, l'altra, che sfortunatamente mi ha seguita, mi ha regalato un giramento di coglioni che non è stato sbollito prima di due ore; ero tentata di andarmene senza comprare  nulla, ma non ho una dignità e serva dei miei desideri mi sono piegata alla sua maleducazione. Mi sembrava di farle schifo, una sensazione orrenda. Non ho mai incontrato qualcuno tanto indisponente mentre, almeno a mio avviso, cercavo di pormi nel modo più umile possibile. È necessario invece andare preparati: boriosi, tronfi, pure un po' stronzi. Bisogna tenersi stretti i ricordi dei propri successi personali. Quel giorno che i capelli ti stavano una favola. Quando hai scoperto che quello della Terza B sapeva della tua esistenza. Quel pranzo durante il quale il Sofficino ti ha sorriso. La volta che ti sei truccata gli occhi ed erano prodigiosamente tutti e due uguali.
Ego caricato a bomba per comprare un Borsalino, ricordatevelo, che nessuno ve lo dice.

La reazione all'Isabella Marantazza che non ti aspetti e che non ti dicono.

Dopo averle viste per quasi un anno su tutte le più fighe Fashion Bloggers di questo flagellato orbe, dopo che hanno stufato tutti, quando per il mondo della muoda è già Medioevo, per ultima, sono arrivata io. Ho smosso le alte cariche per averle, lasciato il mio nome su un centinaio di liste d'attesa, percosso violentemente le palle di tutte le mie amiche, scandagliato l'Internet, esplorato tutti i negozi della Bassa Padana, telefonato a mezzo Triveneto e acceso numerosi ceri votivi a un nutrito gruppo di eterogenee divinità. Infine, tutto è bene quel che finisce bene: le ho trovate da Antonia Accessori a Milano (sono arrivate ieri, ne hanno ancora: nere, nere e bianche e un colore che mi sembrava ocra) e ho strappato dalle mani un 39 a quella che è entrata un secondo dopo di me (ne avevi già un paio ai piedi bella, levati! Sono MIE, MIE, MIE!).
Vestono giuste, sono comodissime, slanciano senza farsi notare. Sono scarpe che dividono, che scardinano le certezze, che scuotono le coscienze, che pretendono risposte dalla società civile. 
Non ti piacevano... eppure. A me piacciono, altrimenti non avrei rotto così elegantemente i coglioni, ma non potevo immaginare.
È successa una cosa.
Una cosa che mi ha totalmente disorientata, interdetta, smarrita, come quando ho avuto quel terribile sospetto che ai ragazzi non interessasse DAVVERO il colore dello smalto. 

Queste scarpe PIACCIONO AI MASCHI. 

Gli odiatori della ballerina, i nemici della suola piatta, apprezzano la scarpa sportiva. Orbene, è evidente che possa essere che al vostro fidanzato invece facciano cagare, ma è stato un inaspettato clamoroso successo. Perché è la scarpa che non impegna, è la scarpa Sporty Spice, è la scarpa degli ingenui, di quelli che ti credono quando gli dici che tu non lo usi il fondotinta, degli ingannati dai reggiseni imbottiti. È la scarpa di quella sera che fai schifo, e non solo alla commessa di Borsalino. Brutta come il regime talebano, i capelli sporchi, la tuta, l'elastico, la faccia bruciata dal peeling chimico e lui, dopo che era rimasto in silenzio quella famosa volta che i capelli ti stavano una favola , ti dice: "Come sei bella oggi".

 MA COSA SEI? BIONDO?

Eppure grande saggezza si nasconde dietro una scarpa sportiva tamarra e queste cose non ve le dicono.

Ed ecco un'ultima cosa che dovete sapere: grande festa alla corte di Francia!



Sarinski per Spray Magazine

A partire da questo numero di Spray Magazine  curerò la rubrica "Le Situazioni di Lui & Lei".
Potete leggere il mio primo articolo "10 cose che un uomo non dovrebbe mai regalare ad una donna" cliccando qui; sfogliando il giornale on line, mi troverete a pagina 46.

Sperando che la novità vi piaccia, se avete un argomento da propormi per i prossimi appuntamenti potete scrivere una mail con oggetto "Le Situazioni di Lui & Lei" a redazione@spraymagazine.it.

Grazie per aver già reagito con entusiasmo alla notizia su Facebook e Twitter e per l'affetto che continuamente mi dimostrate e che spero di riuscire a ricambiare un pochino anche io.


-S

60 commenti:

  1. Vabbè, tra la minchia in umido e il culo che non ti trovi con due mani, mi mandi a dormire con una cazzo di risata, che ti giuro non è poca cosa.
    Che tanto lo so che sei rimasta sveglia pure tu a scrivere!
    Comunque, visto che quelli la del marketing di Borsalino hanno regalato cappelli a destra e sinistra alle loro selezionatissime blogger, io quasi quasi glielo farei recapitare questo tuo post, che secondo me ti meriti tutta la collezione e portata pure su un vassoio d'argento dalla commessa spocchiosa.

    Buonanotte
    The Shabby Labels

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esattamente, sono rimasta sveglia.
      Grazie mille per tutto Lucrezia!

      Elimina
  2. io "già lo dissi" che da quando te le ho viste INDOSSO ho deciso che mi piacciono. e le vorrei...ma ormai ho copmrato gli zoccoli tirolesi foderati di pelliccia e per quest'inverno va bene così ;). ah e voglio anche i fornarina rassodanti e pure i pantaloni di zara.

    RispondiElimina
  3. Fastidio, fastidio, immane fastidio. Maestà, avreste dovuto ordinare "Tagliatele la testa!" oppure "Lei non sa chi sono io!". Ma il Vostro buon gusto, nonchè l'intima regalità che Vi pervade avvolgono la Vostra figura più del mantello che si addice all'imperiale carica che rivestite. L'avete graziata. Ma che sia la prima e l'ultima volta, se posso permettermi. Mi congedo e corro, cum caudio, a leggere l'articolo. Una Vostra fedele suddita

    RispondiElimina
  4. MA COME OSANO DA BORSALINO?
    Quanto costano le Isabelle Marantazza? Grazie per scrivere per noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da Antonia Accessori costano 395 Euro! Grazie a voi per leggermi!

      Elimina
  5. Ricordo un racconto di un amico, che ha accompagnato un amico suo a comprare il tight per u
    n matrimonio. Dopo l'abito, sono andati a prendere la tuba. Nel negozio di cappelli questo amico mio chiese "come li fanno questi cappelli? come attaccano le visiere?".

    Pare che alla parola "visiera" il commesso settantenne del negozio sia svenuto.

    RispondiElimina
  6. L'unica risposta per le commesse stronze è: "Grazie, dirò della sua gentilezza ai miei millemila folloui su Twitter, millemila fan su Facebook e millemila lettori del blog". (ometterei la popolazione di Papuasia solo per non farla sentire troppo male, che tu sei una sovrana magnanima).
    Se vuoi, faccio un salto io a dirglielo.

    RispondiElimina
  7. Sei fenomenale Sarinski, ridere da sola come una perfetta imbecille è il minimo quando leggo i tuoi aggiornamenti/post/articoli su un magazine di moda (!brava!).
    Non c'è nulla più da dire a parte che ti adoro.

    Giada
    In their Clothes

    RispondiElimina
  8. Mi apro a pieno schermo l'articolo su Spray Magazine, guardandomi alle spalle, sto per iniziare la lettura...
    e poi una voce. IL CAPO. Sgammone!
    "Ehmm, vuole leggere anche lei questo articolo? Glielo giro via mail"...
    Risposta positiva.
    Hai un nuovo lettore. IL MIO CAPO.

    RispondiElimina
  9. Io oggi ho appreso un'altra delle "Cose che dovete sapere": mai leggere i tuoi post al lavoro...è impossibile mantenere un contegno adeguato ;-)

    http://milkandtulips.blogspot.it

    RispondiElimina
  10. Ciao! Come ti ho scritto su Twitter, ho lo stesso modello di sneakers e ti diro'...qui in Francia tutti i fidanzati/padri/amici le odiano!! io prima di queste avevo le Beckett bianche e beige (poi rivendute), e quando le ho messe per la prima volta davanti al mio fidanzato mi ha riso in faccia. ma per queste no...è come se passassero più inosservate. ho anche le betty bianche e lui piacciono molto...boh..misteri!
    riguardo le commesse : guarda, a me succede spesso di essere trattata con sufficienza da certe commesse (ah, Paris!) ed ho fatto -tristemente- la stessa tua osservazione : più sei stronza e tronfia e più ti "rispettano"!!! altro che educazione ed umiltà!! il mondo alla rovescia!! detto cio', io non riesco ad essere stronza, anche se a volte certe signorine te le tirano fuori le risposte a tono..!!
    ah, vorrei tanto un Borsalino...ma ne fanno anche di misure adatte al mio capoccione? (non scherzo, ho la testa enorme...compro i cappelli da uomo per trovare le misure!)
    scusa se ho scritto troppo, ma l'argomento "commesse stronze" mi ha infiammata...ottimi acquisti, ciao!
    ps: comunque abbiamo gusti "simili": ho anche le Dickers (mi sembra di averle viste sul tuo profilo FB) e nella mia Wishlist ci sono da un anno le Pistol di Acne come le tue...ma credo ci resteranno per un altro anno, troppe spese!! ecco, ho scritto un sacco...

    RispondiElimina
  11. Quando ho letto l'articolo su Spray Magazine non ho potuto fare a meno di pensare con aria orgogliosa e soddisfatta "è gente seria, le hanno pubblicato un articolo con i titoletti in ROSA."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahahahah!!! Visto???
      ♥ ♥ ♥

      Elimina
  12. Ho la ypsilon rosa.............. QUANTA VERITà NELLE TUE PAROLE.

    RispondiElimina
  13. ahahahaha sei grande!! ti dirò..il borsalino lo volevo prendere anch'io...ora lo voglio ancora di più..colpa tua! ahahaha ma quanto costa il modello che hai preso??è stra-bello!! vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, grazie!
      Questo dovrebbe essere il modello a tesa larga e costa 245 Euro.

      Elimina
  14. Quel Borsalino nero è davvero bello....200 o più??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, purtroppo di più: costa 245 Euro.

      Elimina
  15. Sei stata troppo buona, so io che avrei fatto alla commessa e al suo borsalino... :D

    RispondiElimina
  16. Certa gente merita solo la ricrescita visibile e i brufoli. Vedrai che il karma agirà in tua difesa!

    Complimenti per la collaborazione!

    RispondiElimina
  17. Il cappello di Borsalino è davvero MARAVILLOSO!! Per le Marantazze, niente da fare, non ci riesco, è più forte di me, mi fanno schifo. Sento già da qui il tuo commento "E sti cazzi!" :D
    In bocca al lupo per la collaborazione con Spray Magazine!!!!! L'articolo è molto carino e sto piano piano riacquisendo la vista persa perchè sono stupida!
    Ciaoo

    RispondiElimina
  18. CaPPello Sara. Ti vogliamo bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mi drogo? Grazie! Ho corretto, va beh che avevo la febbre quando ho pubblicato, ma non avevo proprio visto!

      Elimina
    2. Siamo qui per te. <3

      Elimina
  19. Sta cosa delle commesse stronze succede in tutti i mari, in tutti i laghi, in tutti i luoghi!
    Io però, che di stronzaggine "provocata" ne ho da vendere, ad una così l'ho fatta cacare sotto e pure di brutto.
    Entro in questo famoso negozio della mia città per fare un regalo e capito LEI, la più cogliona che c'è! Conoscendola di fama ho fatto in modo che le facessi pena, che sembrassi una delle più sprovvedute delle clienti e di conseguenza ho provocato il suo famosissimo atteggiamento da stronza, quando è arrivata al culmine l'ho guardata dritta negli occhi e le ho detto: " Devo chiedere a Tizio (titolare del negozio nonché mio caro amico) con quali criteri sceglie le commesse e consigliarlo a rivederne i parametri!"
    La stronza è rimasta di ghiaccio ma nei suoi occhi ho intravisto quel barlume di paura che le si era montato dentro! Ha cambiato espressione e con una scusa ha fatto in modo che mi servisse un'altra commessa. Piccole soddisfazioni che ti posso cambiare la giornata!!

    Sara bella tu, bellissime le scarpe (a me sono sempre piaciute ma il prezzo mi è proibitivo) e meraviglioso il Borsalino!
    Complimenti per la collaborazione con il mensile, te lo meriti!

    RispondiElimina
  20. Ma che ci si comporta così davanti all'imperatrice della Papuasia, sua maestà Sarinski? 'sta maledetta commessa di Borsalino la mandiamo a lavorare nelle risaie, altro che. Comunque sono SoloInvidiosa delle Marantazze e adesso ti chiedo, a nome di tutto il popolo papuasiano, il remake di questo video: http://www.youtube.com/watch?v=Ob7vObnFUJc

    Daje' Sara, continuerò ad adorarti fino alla fine dei miei giorni. <3

    Silvia

    RispondiElimina
  21. "Voci di un'ombra a Est."

    Vado subito a mandare una mail alla redazione.

    Chiara

    RispondiElimina
  22. eccomi sarinski! dunque secondo me le marant sono solo difficili da portare, cioè credo ci voglia personalità e poichè tu ne hai il problema non sussiste! <3
    probabilmente la commessa di borsalino credeva di discendere direttamente dala destra del padre, ma hai fatto comunque bene a prendere il cappello!

    RispondiElimina
  23. Il Borsalino è stupendo e la commessa meritava una borsettata in faccia!
    Per le scarpe io sono combattuta ma il mio ragazzo mi ha detto che se provo a prenderle mi molla all'istante quindi ho lasciato lì! Forse lui è una mosca bianca...
    Comunque bellissimo post e complimenti per l'articolo!

    Boo di insanebazar.com

    RispondiElimina
  24. ecco, a me all'inizio queste scarpe non piacevano (forse per colpa della Ferrogna che le mortificava?? bho!), invece adesso... cominciano ad attrarmi. Idem la Falabella... non potevo vederla, eppure adesso la lovvo all'infinito! Per ora mi sono presa una versione taraocca da 20 auro, almeno vedo come mi ci trovo e se il modello mi garberà, prima o poi farò il grande passo e ne prenderò una autentica!

    per la tua collaborazione giornalistica sono davvero contenta, te lo meriti Sara, hai un modo di scrivere favoloso... insomma: SPACCHI!!!

    RispondiElimina
  25. Ahahah ti amo e ti amerò per sempre..lo giuro sulle isabella marantezza!(rivalutate in nero dopo che un anno fa la mia spontanea reazione è stata "OMMIODDIOLAZZARRAGINEE'ARRIVATAAIPIANIALTI!"
    PS. daje che prima o poi tutto il mondo si accorgerà della tua genialità!
    :D
    Lilly

    RispondiElimina
  26. BeatriceB, ♥6 dicembre 2012 16:34

    Sono felice per il tuo nuovo incarico su Spray Magazine, era proprio ciò che ti mancava! Sono curiosissima di leggere i prossimi articoli, continua a impegnarti così, la differenza tra te e qualsiasi altra blogger/scrittrice si VEDE.

    Beatrice B.♥

    RispondiElimina
  27. In certi casi le uniche parole da pronunciare sono: "vorrei parlare con il responsabile del negozio" (store manager se vi sentite particolarmente Minettiane). Non so perchè ma certe commesse hanno il dono di farti sentire l'essere più ridicolo e repellente della terra, bisogna ribellarsi (e mai andare a fare shopping struccate!)!

    RispondiElimina
  28. Io vedo una cosa su di te e non importa cosa pensavo fino a quel momento, hai il potere di farmela desiderare. Sei figa.

    RispondiElimina
  29. No, Sarinski, le Marant no, chè a sto punto rispolvero le Fornarina del '98! Mentre il Borsalino te lo promuovo a pieni voti!!!

    RispondiElimina
  30. noto con diasappunto che nell'angolo in altro a destra (rosa: ci piace) del tuo articolo su Spray Magazine, dopo "spaventose intenzioni espansionistiche" non hanno scritto ? imperatore della Paupasia' ....
    per il resto brava Sarinski!!!

    RispondiElimina
  31. vabbe ma io TI AMO......grazie!
    barbara

    RispondiElimina
  32. Complimenti per la rubrica su Spray Magazine, ho letto con piacere l'articolo :D

    Bello il Borsalino e belle le Isabel Marant <3


    THE RED GIRL SMILE - fashion & beauty blog

    Vota THE RED GIRL SMILE come nuovo IT Blog di Grazia.it <3

    RispondiElimina
  33. Le Marant, da che sono uscite, per me sono sempre state un gran NON LO SO, ed è ancora così.
    Per Spray sai già tutto, quindi mi limiterò a ringraziarti di nuovo per la bella sensazione che mi ha lasciato il tuo articolo.

    RispondiElimina
  34. Il confronto tra te e tutte altre bloggers che cercano pateticamente di imitarti da quando hai iniziato a scrivere su questo blog è schiacciante
    Bravissima, continua così e complimenti per la rubrica su Spray, ti seguirò anche lì
    Con affetto
    B

    RispondiElimina
  35. Sarinski ma chi ti ferma più? Idola. ti meriti tutto. e anche di +
    <3
    Anne

    RispondiElimina
  36. La più grande soddisfazione che vorrei avere per pompare il mio ego è questa: "Quel pranzo durante il quale il Sofficino ti ha sorriso"!!

    RispondiElimina
  37. Le commesse non capiscono un c****, prime su tutte quelle di Sephora!
    Ma dimmi un po' di che marca è il vestito di pagina 27, quello nero con i fiori azzurri, ti prego dimmi che lo sai, è meraviglioso e deve essere mio!
    p.s. complimenti per questa nuova avventura
    Stella

    RispondiElimina
  38. A me piacciono le tue foto! :)

    RispondiElimina
  39. Allora, a me le marant non piacciono MA mi fanno venire un'enorme nostalgia della seconda metà degli anni '90 e della musica trash pop che si ascoltava allora."Colors of the wooorld, SPICE UP YOUR LIFE".
    Adesso magari ritirano fuori quei collier fatti con il filo di nylon che dovevano simulare un tatuaggio all'henné. Minchien che nostalgia degli anni '90.

    RispondiElimina
  40. Io, con la Maranzata, ancora non ce la faccio. Sarà che per me son come sorelle delle Hogan, che quel mattacchione di Lagerfeld ha saputo rendere ancora più imbarazzanti, ma la scarpa col tacco nascosto per me è ancora no, anche se forse lo dovrei al mio culo.
    Sì per il borsalino invece, e per il nero.
    e te, che sei forte!

    RispondiElimina
  41. sarinksi con tutta la stima che ho per te io quelle scarpe non le posso vedere :P
    il borsalino anche anche,ma tanto non avrei mai il coraqgio di indossarlo..comunque ringrazio per i consigli :)

    commento a caso:prendilo come un complimento,ma mi ricordi tantissimo aurora di once upon a time (non so se lo segui..ma secondo me assomigli troppo all'attrice!)
    holly

    RispondiElimina
  42. Ah ah ah! Divertente, come sempre. Io ho un Borsalino non elegante come il tuo, molto vintage, ereditato addirittura dal mio bisnonno! Ma Io lo porto con disinvoltura e non mi curo assolutamente della direzione degli sguardi del mio prossimo!
    Un bacio
    www.welovefur.com

    RispondiElimina
  43. n ooooooo le marantazze nooooooooooooooo.
    va beh ti perdono. (che io ho ceduto alle nike tamarre!)

    sei sempre meravigliosa!

    RispondiElimina
  44. Sara, te lo devo dire mi fai davvero morire, leggo e rido da sola davanti al pc. Ma sappi che io ti batto coi miei 7 chili in 7 giorni (sì, come il film): lasciata al telefono dopo 8 anni. Ma ora son figa come non sono stata mai.

    RispondiElimina
  45. ti ho sempre amata.
    continuo a farlo.

    RispondiElimina
  46. Che modello sono le Marant? Bekett o Bayley? A me piace esattamente questo modello ma non le trovooo, è dall'inverno scorso che le cerco :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, bella domanda, credo le Beckett, ma da quanto ho capito alla nostra Isabella piace cambiare spesso i nomi. È stato difficilissimo anche per me trovarle.

      Elimina
  47. Grazie Sara per la risposta, ora ho capito perché ogni negozio ha un modello diverso, evidentemente IM vuole farcele un po' sudare.. anch'io lo vorrei tutte nere perché non riuscirei a portarle in un altro colore ma pare siano un miraggio. Speriamo di trovarle!

    RispondiElimina

There is a lot of Sarinskiness here.

Messaggi da darmi, cose da dirmi, insulti, pubblica gogna,
sfrenati, folli e disinibiti apprezzamenti, qui
Grazie

-S